Giovedì, 18 Maggio 2017

Lega Pro. Scandalo Dirty Soccer, la Corte Federale d'Appello annulla le condanne di primo grado per Maglia e Arpaia

La Corte Federale d’Appello ha ribaltato la sentenza di primo grado relativamente alle partite di Lega Pro, Juve Stabia-Vigor Lamezia e Vigor Lamezia-Casertana, per le quali erano stati sottoposti a giudizio l’ex presidente della Vigor Lamezia, Claudio Arpaia e l’ex direttore sportivo Fabrizio Maglia.


I giudici hanno accolto le tesi difensive avanzate dagli avvocati Mari e Di Cintio annullando le condanne di Maglia e Arpaia che in primo grado erano stati condannati rispettivamente a tre anni (più 10mila euro di multa) e un anno e mezzo di squalifica.
A Maglia veniva contestata la partecipazione al presunto illecito sportivo per Juve Stabia-Vigor Lamezia, mentre all’ex numero uno biancoverde venivano contestate entrambe le partite.
In Appello è stata confermata la condanna di Bellini. La Vigor Lamezia, invece, è stata penalizzata di due punti per responsabilità oggettiva.
Una sentenza importante quella emessa dalla Corte Federale d’Appello che potrebbe cambiare il corso anche di un altro match finito sotto la lente di ingrandimento della procura federale: Paganese-Vigor Lamezia. Per questo incontro Maglia era stato condannato a 4 anni e 6 mesi, mentre Arpaia a 5 anni di squalifica. Gli avvocati potrebbero chiedere la revisione del processo.